Le chiese per una nuova architettura economica e finanziaria

Un seminario a Durban ha indagato i temi della giustizia fiscale, della giusta tassazione e dei risarcimenti ai paesi vittime dello sfruttamento coloniale

Agenzia NEV -

Foto di Mathew Koshy Punnackad

Foto di Mathew Koshy Punnackad

28 Marzo 2019

Roma (NEV), 28 marzo 2019 – Si è svolto a Durban, in Sud Africa, dal 16 al 20 marzo, un seminario come parte dell’iniziativa congiunta della Nuova Architettura Economica e Finanziaria Internazionale (NIFEA) insieme al Consiglio ecumenico delle chiese (CEC), alla Comunione mondiale delle chiese riformate (CMCR), al Consiglio per la Missione Mondiale (CWM) e alla Federazione mondiale luterana (FLM).

Il seminario aveva come obiettivo quello di approfondire la comprensione da parte delle chiese della giustizia fiscale e dei risarcimenti come mezzo per affrontare il peggioramento delle disuguaglianze socio-economiche e delle sfide ecologiche; condividere, scambiare e imparare dall’impegno e dalle iniziative ecclesiali di tutto il mondo per promuovere la tassazione e i risarcimenti e sviluppare una campagna ecumenica congiunta o un’azione sulla giusta tassazione e i risarcimenti.

La consultazione ha riunito persone appartenenti alle differenti chiese ed esperti di tutto il mondo che lavorano per la giustizia fiscale e i risarcimenti, nonché voci di persone provenienti da comunità colpite da tagli alla spesa sociale e cambiamenti climatici.

I documenti, già elaborati dal NIFEA e dagli altri organismi durante precedenti occasioni di lavoro congiunto, avevano posto le basi per il lavoro sottolineando che “dalla crisi del 2008, le divisioni socio-economiche si sono notevolmente ampliate in tutti i paesi e la concentrazione della ricchezza oggi è al suo massimo livello. Le dure misure di austerità in risposta alla crisi e il fallimento generale del quadro finanziario nel mantenere la promessa di generare prosperità condivisa stanno contribuendo a creare le condizioni per l’aumento dell’estremismo, del protezionismo, del razzismo e della xenofobia … Le minacce di guerra stanno dando forma a politiche finanziarie che espandono i budget militari e riducono la spesa per la sanità pubblica, l’istruzione e l’assistenza sociale.  (…). Sempre più strumenti basati sul mercato e la finanza privata sono chiamati a colmare queste lacune, dimenticando il ruolo che questi hanno avuto nella crisi”. Di fronte a questo panorama “la tassazione è uno strumento importante per condividere la ricchezza in modo equo all’interno e tra i paesi”.

L’iniziativa NIFEA dovrebbe incoraggiare e sostenere le chiese nella richiesta di sistemi fiscali nazionali e internazionali che premino il lavoro e ridistribuiscano i guadagni, promuovano la giustizia di genere e la sostenibilità ecologica e penalizzino le speculazioni.

Sul tema dei risarcimenti NIFEA ricorda che istituzioni finanziarie come JP Morgan Chase, Lehman Brothers, Barclays, AIG e Aetna hanno le loro origini nel commercio degli schiavi, che ha rimosso con la forza fino a 15 milioni di persone dall’Africa, ha avuto conseguenze distruttive sulla produzione economica, sulla vita sociale e sul tessuto ecologico della regione, arricchendo al tempo stesso le potenze coloniali occidentali: “un certo numero di nazioni, movimenti e chiese hanno chiesto risarcimenti come meccanismo per rimediare alle ingiustizie storiche della schiavitù e alle ineguaglianze economiche sistematiche che sono retaggio della schiavitù. Le Chiese hanno chiesto il trasferimento di risorse dalle nazioni ricche a quelle impoverite e la cancellazione del debito come riparazione di perdite irreversibili e danni derivanti da un clima di riscaldamento”.

Nel corso del seminario è intervenuta la pastora Suzanne Matale, dello Zambia, membro della Commissione indipendente per la riforma della tassazione internazionale delle imprese: “Le multinazionali devono pagare la loro giusta quota di tasse altrimenti avremo tirato fuori tutto il nostro rame e lasciato un grande buco nel terreno per niente”, ha affermato, e  ha ribadito che le richieste di norme globali per tassare meglio le multinazionali e frenare la concorrenza fiscale, nonché per la creazione di un ente fiscale globale sotto l’egida delle Nazioni Unite stanno crescendo in tutto il mondo.

“L’incontro ha esplorato un terreno comune e costruito ponti tra il movimento per la giustizia fiscale e il movimento per i risarcimenti all’interno e tra le nostre chiese”, ha detto Athena Peralta, dirigente del Programma per la giustizia economica ed ecologica al CEC. “Sia la tassazione che i risarcimenti sono necessari per affrontare la disuguaglianza; la tassazione può contribuire ad aumentare i fondi per finanziare i risarcimenti per debiti sociali ed ecologici”, ha concluso Peralta.

https://www.nev.it/nev/2019/03/28/le-chiese-per-una-nuova-architettura-economica-e-finanziaria/

ICRICTSuzanne Matale